una soluzione per l’agricoltura, il clima e l’energia

“Si tratta della più promettente strategia di mitigazione del cambiamento climatico”

Segui il corso gratuito

“L’uso di Biochar per un’agricoltura sostenibile”

Dalle “terre nere” degli indios…

Il suolo rappresenta un serbatoio (sink) importante per lo stoccaggio del carbonio atmosferico. Un metodo innovativo per aumentare il contenuto di carbonio nel suolo prende spunto da antichi terreni dell’Amazzonia brasiliana, la Terra Preta do Indios.

Si tratta di suoli caratterizzati da un alto contenuto in carbonio, grazie alla presenza di materiale vegetale carbonizzato, probabilmente resti di fuochi, interrato dagli indios per incrementare la resa delle colture. Queste “terre nere”, oltre ad essere ancora oggi particolarmente fertili, hanno stoccato per centinaia di anni grandi quantità di carbonio.

… fino ad oggi

Carbonificando i residui organici delle coltivazioni e interrando il BIOCHAR, si aumenta la fertilità del terreno “immobilizzando” carbonio atmosferico nel suolo.

Il BIOCHAR rappresenta un sistema di gestione dei residui organici alternativo alla combustione (che produce CO2), all’interramento dei residui (che fa tornare il carbonio nell’atmosfera attraverso l’ossidazione della sostanza organica ).

E’ quindi un modo economico, sostenibile ed ecocompatibile per trasformare i residui delle coltivazioni agricole in una risorsa e per ridurre la CO2 atmosferica.

Scuola di Biochar 2021 IT

Partecipa alla scuola di Biochar!

13 + 6 =

Corso di aggiornamento agronomi

Segui il corso di aggiornamento agronomi con ICHAR!

11 + 13 =

Eventi Ichar

Notizie ed eventi Ichar

Domande Frequenti

Domande su Ichar e Biochar

Come nasce “Biochar”?

La definizione BIOCHAR è stata scelta dall’IBI (International Biochar Initiative) specificando che si tratta di materiale che trova applicazioni nell’ agricoltura e nella protezione dell’ambiente.

Come si produce il BIOCHAR?

I sistemi tecnologico-industriali per produrre BIOCHAR si basano sulla pirolisi o la gassificazione di biomasse vegetali. Se una biomassa viene scaldata oltre una certa temperatura in assenza di ossigeno, essa produce un gas infiammabile (syngas) e del bio-olio anch’esso combustibile. Anche il BIOCHAR, residuo che ci interessa, è un combustibile.

Che materia prima ci vuole per produrre BIOCHAR?

Il BIOCHAR può essere ottenuto a partire di biomasse vegetali o animali di ogni genere. Ma ogni BIOCHAR sarà diverso, così come diverse saranno le sue proprietà e le sue potenzialità di applicazione in agricoltura.

Qual è il potenziale del BIOCHAR per il sequestro di CO2 atmosferica ?

Il BIOCHAR contiene tra l’80 ed il 90% di carbonio. Quindi ogni tonnellata di BIOCHAR si genera da una quantità di anidride carbonica (CO2) atmosferica pari a circa tre volte il suo peso.

Se immettiamo nel suolo una tonnellata di BIOCHAR, si sottraggono 3 tonnellate di CO2 dall’atmosfera. L’Opzione BIOCHAR, se praticata su vasta scala, ridurrebbe del 9% le emissioni di CO2 europee. (Glaser et al, Nature, 2009).

Se solo il 3,2% dei residui agricoli italiani venisse trasformato in BIOCHAR, l’Italia raggiungerebbe l’obiettivo previsto dal Protocollo di Kyoto.

Perché il BIOCHAR è una soluzione per i Paesi in via di Sviluppo?

I benefici sono molteplici:
di ordine sanitario perché utilizzando la gassificazione anziché la combustione per cucinare i cibi si eliminano i fumi tossici considerati ad oggi la quarta causa di morte umana, a livello globale;

di ordine ambientale perché può aiutare a recuperare terreni degradati e privi di fertilità e favorire una riduzione della deforestazione grazie al miglioramento dell’efficienza energetica;

di ordine sociale perché riduce il tempo dedicato alla raccolta del combustibile e consente di risparmiare nell’acquisto del combustibile perché la gassificazione non richiede necessariamente legno, che è costoso, ma può essere ottenuta a partire di qualsiasi tipo di residuo vegetale

Perché utilizzare Biochar?

Il biochar è un materiale solido ottenuto dalla conversione termochimica della biomassa in un ambiente a ossigeno limitato che può:

Contribuirai a risolvere la crisi della sicurezza alimentare globale e garantire la sicurezza del suolo attraverso

il miglioramento della fertilità del suolo e della produttività delle colture e dell’agroforestazione;
l’aumento della fertilità dei suoli degradati e marginali
favorendo la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici nei sistemi agricoli.

Renderai la produzione agricola più sostenibile su larga scala perchè:
manterrai la produzione con input di fertilizzanti chimici inferiori;
potrai riciclare in modo più produttivo i materiali di scarto agricoli e organici sostenendo nella bonifica dei terreni
otterrai una qualità dell’acqua migliore riducendo la lisciviazione di nutrienti nei corpi idrici e forniture.

Ulteriori vantaggi del Biochar
  1. Abbattere in modo sicuro ed efficace le emissioni di gas serra (GHG) in pozzi di suolo stabili;
  2. Ridurre le emissioni di GHG associate alla decomposizione dei rifiuti da fonti urbane e rurali
    compensare l’uso di combustibili fossili attraverso bioenergia e bioprodotti di alto valore.
  3. Per gestire i residui delle coltivazioni agricole, spesso considerate più un
    problema che una risorsa.
    Per migliorare le proprietà e la fertilità del terreno, diminuire la lisciviazione degli elementi nutritivi ed aumentare le rese di numerose colture agricole.
  4. Per incrementare la fertilità del suolo e ridurre l’impiego di concimi di sintesi, con minori spese per gli agricoltori, minor impatto sull’ambiente,minor consumo di risorse ed energia.
  5. Per immobilizzare carbonio nel suolo per lunghi periodi, “eliminandolo dall’atmosfera.